BAADER FILTRO – Filtro Fringe Killer da 1¼” (31.8mm)

 92,00

    • Il fringe killer blocca la luce sfocata nello spettro blu, così come nella parte rossa dello spettro (IR) sopra i 700 nm, solitamente visibile nei piccoli telescopi acromatici.
    • I dettagli più piccoli sui crateri della Luna e sulle superfici planetarie sono molto più visibili!
    • Planeotticamente lucidato; può essere utilizzato ben prima del punto focale del sistema ottico, senza alcuna perdita di nitidezza, come unico filtro davanti a un binocolo per la proiezione afocale con fotocamere digitali.
    • Fornisce l’immagine più luminosa di tutti i sistemi di correzione degli errori di colore prodotti industrialmente. Pertanto, il Fringe-Killer è un must per i piccoli rifrattori!

Fringe Killer con riduttore Celestron 11″ Edge HD. Riduzione frange blu – non solo per rifrattori: Celestron Edge + Reducer – alcune esperienze ed esperimenti

Filtro per la correzione del colore Baader Fringe-Killer da 1¼” e 2″.

Planeoptically lucidato con Phantom Group Coating

Baader Fringe Killer

Baader Fringe Killer

Il Fringe-Killer (Fringe = color fringing) blocca la luce sfocata nella parte rossa dello spettro (IR) fino al 100% – ma soprattutto sopprime oltre il 50% della luce parassita interferente nella gamma spettrale blu – senza cambiare il colore impressione dell’immagine.

I dettagli più delicati dei crateri lunari e delle superfici planetarie possono essere visti con un contrasto molto più elevato.

Il filtro per la correzione del colore Baader Fringe-Killer previene le frange di colore indesiderate sia nella gamma spettrale del blu che nel NIR sopra i 700 nm! L’impatto visivo corrisponde inizialmente ad un filtro meno viola, al contrario di questo ma il colore dell’immagine rimane sostanzialmente bilanciato. Di per sé una contraddizione in termini? Può essere implementato solo applicando la moderna tecnologia di rivestimento assistito al plasma DWDM, che consente l’applicazione di circa 100 singoli strati su una superficie frontale lucidata otticamente piatta in modo perfetto e riproducibile senza compromettere la qualità visiva. Questo fine strumento di precisione ottica consente anche ai rifrattori cinesi economici di raggiungere le prestazioni di imaging promesse. La riduzione dell’aberrazione cromatica corrisponde a quanto si ottiene con i sistemi di lenti di correzione, che di solito costano 20 volte di più.

Esempio di Sirius con e senza Fringe Killer
Per il confronto fare clic

Panoramica del Baader Fringe Killer

FATTI E CIFRE
  • È grazie alla sua costruzione sia visivamente che fotograficamente un aiuto molto prezioso
  • Rimuove le frange blu e le frange rosse sopra i 700 nm.
  • Si forma nell’intervallo tra 450 e 480 nm con un plateau a circa il 50% della velocità di trasmissione, il rivestimento diventa più complesso da produrre anche rispetto ai filtri Nebula più stretti.
  • Raggiunto nella banda passante la più alta trasmissione di tutte le frange di colore precedentemente disponibili, sia che si tratti di filtro o lente di correzione. Da 486 a 656 nm tutte le lunghezze d’onda rilevanti del cielo profondo sono completamente trasmesse. Visivamente questa è luce sufficiente anche per ingrandimenti elevati.
  • Al di sopra di 656 nm (H-alfa), a 660 nm, la trasmissione affonda molto velocemente. Nel NIR a 670 nm, la trasmissione è già scesa al 50% ea 690 nm è già vicina allo zero. Il NIR è completamente bloccato fino a 1150 nm. In questo modo, i dettagli sui pianeti vengono mostrati molto più chiaramente anche quando si utilizzano camere CCD/CMOS.

La correzione del colore chiaramente visibile del Baader Fringe Killer. Per il confronto fare clic
I PUNTI SALIENTI DEL FILTRO PER LA CORREZIONE DEL COLORE BAADER FRINGE KILLER
  • Fornisce l’immagine più luminosa di tutti i sistemi di correzione degli errori di colore prodotti industrialmente. Così il Fringe Killer è un must anche per i telescopi più piccoli.
  • Rimuove le frange blu e le frange rosse sopra i 700 nm.
  • Annulla l’intensità devastante dell’inquietante purple fringing in una nuova forma, mai implementata fino ad oggi nei filtri astronomici
  • Anche le sfumature deboli rimangono chiaramente visibili nel pianeta grazie all’eccellente bilanciamento del colore.
  • In combinazione con un filtro rosso RG-610 produce un filtro Ha-pass a banda stretta con finestre larghe solo 70 nm e una trasmissione della luce del 95% – a un prezzo incredibilmente basso!
  • La combinazione con il filtro Skyglow al neodimio (con rivestimento Phantom-Group) si traduce in un contrasto equilibrato e mozzafiato con l’osservazione di dettagli lunari e planetari.
  • Lucidato piano otticamente per una nitidezza perfetta, anche quando il filtro è assemblato ben prima del punto focale (o dell’inserto della fotocamera digitale binoculare).
  • Nessun deterioramento della risoluzione ad alto ingrandimento, come accadrebbe con il vetro lucidato alla fiamma (lucido grezzo), comunemente usato per tutti i tipi di filtri!
  • Rivestimento di alta qualità: i rivestimenti dielettrici potenziati al plasma producono filtri duri, resistenti ai graffi e impermeabili. Quasi 50 strati su entrambi i lati, accuratamente posizionati per non compromettere la qualità ottica della superficie del supporto
  • Rende le prestazioni di un semplice rifrattore economico f/8 simili a quelle di un classico Fraunhofer acromatico f/15. Vedere per credere!